Gli strumenti per risparmiare per i figli

Anna e Marco tengono tra le braccia Giovanni: la loro gioia è alle stelle, se lo vedono già avvocato, medico, imprenditore. All’improvviso si guardano negli occhi e si dicono “dobbiamo iniziare a pensare a risparmiare per il suo futuro”.

Marco già il giorno dopo parte entusiasta per andare a informarsi, nelle orecchie risuonano ancora tre parole: librettino, polizza, PAC (piano di accumulo del capitale). Però ha le idee confuse: quale darà più soddisfazioni? Qual’è il più adatto per noi? Hanno parlato tanto, ma non è sicuro che abbiano indicato quello che fa al caso loro.

Se siete l posto di Anna e Marco, questo articolo potrebbe fare al caso vostro. Ecco di cosa parleremo:

  • Gli strumenti con cui farlo
  • Come farlo
  • La quarta via

Strumenti

Il libretto sia che sia bancario sia che sia postale ha il vantaggio della flessibilità nei versamenti, ma ha un grandissimo svantaggio: riconosce interessi praticamente nulli.

Vedremo il saldo del deposito stabile, ma essendo un risparmio di lungo periodo (spesso si parla di decenni) avremo il valore di quel denaro, cioè il suo potere d’acquisto, compromesso dall’inflazione.

Esempio: 1.000,00€ accantonati oggi con un’inflazione al 2% (inflazione target della BCE) tra 18 anni varranno circa 700,00€.

Le polizze: ce ne sono di tantissimi tipi, alcune sono valide altre meno, o addirittura per nulla.

Sicuramente sono strumenti abbastanza costosi, bisogna capire se il costo è giustificato da delle garanzie reali, e se queste garanzie ci sono utili.

Fatevi spiegare chiaramente il funzionamento, e guardate almeno gli schemi esemplificativi che sono riportati in ogni prospetto.

I PAC (piani di accumulo del capitale), sono caratterizzati da versamenti ricorrenti, pertanto bisogna orientarsi per un accantonamento, che solitamente è mensile.

Se abbiamo qualche dubbio cerchiamone di quelli che lasciano quanta più libertà possibile nella gestione dei versamenti durante la vita del contratto: sospensione, riattivazione, versamenti extra…

Con questo strumento possiamo investire anche in mercati più rischiosi ma con più alto potenziale, infatti la periodicità dei versamenti ci aiuterà a mediare il prezzo e il tempo sarà sempre un nostro alleato!

Nel lungo periodo anche una piccola differenza di rendimento fa… la differenza.

Guardate in 18 anni quanto incide una differenza di rendimento del 2%!!

Come farlo

Ai libretti credo così poco che mi sentirei colpevole se vi aiutassi a farli, perciò passerò subito agli strumenti successivi.

Sia che la vostra scelta cada su una polizza, sia che venga sottoscritto un PAC cercate formule che vi garantiscano un alto livello di flessibilità: possibilità di sospendere e riprendere i versamenti, riscatti e liquidazioni anticipate, come funziona alla fine dell’accantonamento.

In entrambi i casi bisogna far sì che venga ultimato il piano dei versamenti: se è stato stimato un capitale necessario al termine del periodo dobbiamo assicurarci che questo arrivi a Giovanni quando sarà grande. Alcune polizze prevedono contrattualmente il completamento del piano, altrimenti assicurate chi fa i versamenti con una polizza caso morte a capitale decrescente sia per i PAC, sia per le polizze che non prevedono il completamento del piano. Se siete genitori da poco tempo siete sicuramente giovani, perciò il costo da sostenere è molto ridotto.

Attenzione! Se avete una polizza caso morte collegata ad un mutuo questa coprirà il debito, perciò è insufficiente per le esigenze di vostro figlio.

L’intestazione di questi risparmi è un altro punto di attenzione, so che sembra bello che siano intestati a Giovanni, però vuole dire crearsi lacci e laccioli dovuti alla minore età del titolare. Siete dei genitori responsabili, perciò intestateli a voi e dateglieli alla maggiore età, o quando ritenete sia giunto il momento. Tutelerete anche il piccolo Giovanni garantendo maggiore libertà sui risparmi.

La Quarta Via

Qualcuno di voi conosce questo rompicapo?

Unisci i 9 punti con 4 linee

Ci insegna ad uscire dagli schemi.

Lo possiamo fare anche in questo caso: avete mai pensato ad un fondo pensione per Giovanni?

Può sembrare assurdo ma in un prossimo articolo vi spiegherò perché é una strada che ha senso percorrere.

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: